Dopo una vita spesa sui libri, una cattedra te la meriti proprio!Non rinunciare al tuo sogno: fai ricorso per il concorso straordinario scuola 2020/2021

L'esperienza insegna!

L'esperienza insegna!

Grazie alla lunga esperienza nell’ambito dei ricorsi ai concorsi pubblici e all’assistenza agli operatori sanitari, Consulcesi rappresenta la più grande realtà legale in Italia. Con un’ininterrotta serie di vittorie nei tribunali e 1.000 consulenti sempre a disposizione, garantisce a ognuno, dall’inizio alla fine, la massima cura e attenzione.

Nata vent’anni fa raccogliendo le denunce di irregolarità dei candidati ingiustamente esclusi dal test di Medicina, ha presto ampliato il suo raggio d’azione, prima ai camici bianchi, poi a tutti i cittadini, tutelandoli sui più vari fronti: dalla violazione delle normative europee alla denuncia dei turni massacranti, dalle irregolarità bancarie al diritto all’oblio.

Battaglie portate avanti con coraggio e convinzione, sia in Italia che in Europa, che hanno permesso ai nostri assistiti di vedersi riconosciuti i propri diritti, con risarcimenti record che superano i 530 milioni di euro. Ed eccoci oggi – come già con gli studenti alle prese col numero chiuso o la scuola di specializzazione – pronti a mettere tutta la nostra esperienza al servizio dei tanti insegnanti impegnati nelle prove del concorso straordinario 2020/2021. Perché crediamo nel tuo valore e lotteremo al tuo fianco affinché tu possa realizzare il sogno di tutta una vita.

Per un concorso straordinario, un'assistenza straordinaria.

La più grande realtà legale in Italia

La più grande realtà legale in Italia

1.000 consulenti sempre a tua disposizione

1.000 consulenti sempre a tua disposizione

Migliaia di assistiti con successo

Migliaia di assistiti con successo

Consulenze gratuite

Consulenze gratuite

Assistenza continua dall'inizio alla fine

Assistenza continua dall'inizio alla fine

Poco importa si tratti di errori da matita rossa o da matita blu. Le irregolarità nel concorso non sono ammissibili.

Le prove del concorso straordinario si sono ormai concluse eppure, da ogni parte d’Italia, continuiamo a ricevere segnalazioni di irregolarità: disposizione non a norma dei candidati, utilizzo di cellulari, plichi aperti in anticipo, sviste nei quesiti, errori nella composizione delle commissioni

Se anche tu hai assistito a manifeste irregolarità, non aspettare la pubblicazione dei risultati; contattaci subito e raccontaci la tua esperienza. Valuteremo insieme, a graduatoria pubblicata, la possibilità di intraprendere un ricorso – individuale o collettivo – al TAR per far valere i tuoi diritti. L’importante è non arrendersi proprio ora. Erano anni che aspettavi quest’opportunità, e non permetteremo certo che ti venga portata via in questo modo.

Parlano di noi

FAQ

Quanti sono i posti disponibili?

I posti disponibili per il concorso straordinario della scuola secondaria (ex D.D. 510/2020) sono 32.000.
I posti disponibili per il concorso ordinario della scuola secondaria (ex D.D. 499/2020) sono 33.000.
I posti disponibili per il concorso ordinario della scuola dell’infanzia e primaria (ex D.D. 498/2020) sono 12.863.

Quali sono le irregolarità che possono verificarsi durante il concorso?

Ogni concorso pubblico può comportare delle criticità legate ai requisiti di accesso, ad episodi che si verificano durante lo svolgimento delle prove o alla formazione stessa delle graduatorie. Tra le principali irregolarità segnaliamo: disposizione non a norma delle postazioni, mancata schermatura delle aule, utilizzo di telefoni cellulari, errori nei quesiti somministrati, domande non inedite.

Quando è possibile fare ricorso?

Qualora un candidato riscontri delle irregolarità durante lo svolgimento delle prove o in ordine alla formazione delle graduatorie potrà far valere il proprio diritto presentando ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) entro 60 giorni. Dunque, per queste tipologie di richieste la tempestività è essenziale.